Programma Concerto 27 Luglio 2014

Concerto Trio d’ Archi:

Violino: SIGISWALD KUIJKEN
Viola: MARLEEN KUIJKEN
Clavicembalo: MARIE KUIJKEN

Johann Sebastian BACH :
– Dalla Partita n° 2 in re minore per violino solo BWV 1004:
Allemanda e Sarabanda

Antonio VIVALDI :
– Sonata in sol minore per violoncello e basso continuo

J.S.BACH :
– Preludio e fuga in si bemolle maggiore – BWV 866 dal Clavicembalo Ben Temperato
– Sonata VI in sol maggiore per violino e clavicembalo BWV 1019
Allegro – Largo – Allegro (Cembalo solo) – Adagio – Allegro
– Arie tratte da cantate per soprano, bc e violino solo
Genügsamsamkeit (dalla BWV 144)
Seufzer, Tränen, Kummer, Not (dalla BWV 21)
Ich ende behende (dalla BWV 57)

Sigiswald Kuijken
Sigiswald Kuijken – Violino. Nato in Belgio nel 1944, Sigiswald Kuijken ha studiato al Conservatorio di Bruges, poi con Maurice Raskin a Bruxelles, dove si è diplomato in violino nel 1964. Dal 1969, forte di un’esperienza condivisa con il fratello Wieland fin dall’infanzia, ha incominciato a rispolverare la tecnica violinistica «antica», togliendo mentoniera e spalliera dallo strumento; si è poi specializzato nel violino barocco al Conservatorio dell’ Aia, affermandosi fra i suoi massimi esponenti quale solista. Dal 1964 al 1972 ha fatto parte dell’Alarius Ensemble. Dal 1971 al 1996 è stato docente di violino barocco al Conservatorio dell’ Aia. Dal 1993 è docente presso il Conservatorio di Bruxelles e ospite di importanti istituzioni musicali quali Royal College of Music di Londra, l’Università di Salamanca e l’Accademia Chigiana di Siena. Nel 1986 ha formato con François Fernandez, Marleen Thiers e Wieland Kuijken il Quartetto Kuijken che si è specializzato nell’interpretazione di Haydn e Mozart, ed è stato ascoltato anche a Milano per I Concerti del Quartetto nelle Ultime Sette Parole di Haydn. Nel 1972 ha costituito il complesso della Petite Bande, che oggi vanta un’imponente discografia sotto la sua guida e quella di Gustav Leonhardt. Inoltre è spesso direttore ospite di altre orchestre barocche tra le quali «The Age of Enlightenment» con la quale ha debuttato nel 1986 alla Queen Elizabeth Hall di Londra. Dal 1998 dirige anche orchestre sinfoniche «moderne» quali Orchestra Filarmonica delle Fiandre, Cappella Coloniensis (WDR Köln), Orchestre National de Bordeaux Aquitaine con programmi romantici che comprendono opere di Beethoven, Schumann, Brahms e Mendelssohn. È stato ospite delle Settimane Bach nel 1996 (5º ciclo), 1997 (Oratorio di Natale, 8º ciclo), 1999 (11º ciclo), 2000 (14º ciclo), 2002 (18º ciclo) e nella primavera scorsa (21º ciclo).

Marleen Thies
Marleen Kuijken – Viola. Ha studiato violino al Conservatorio di Bruxelles (con A. Grumiaux e M. Raskin) ; da giovane era già interessata nella musica antica (rinascimentale e barocca) ; sposata con Sigiswald Kuijken , lei suona la prima viola nel orchestra barocco La Petite Bande, dal l’inizio in 1972. Da 1986 è anche la violista nel Quartetto d’archi Kuijken chi ha girato nel mondo, e realizzato incisioni di numerosi quartetti di Haydn en Mozart . Nei ultimi anni si è tornata anche verso la viola da gamba e di nuovoverso il suo primo strumento, il violino, a diverse occasioni.

Marie Keijken
Marie Kuijken- Clavicenbalo. Ha compiuto gli studi al Conservatorio Reale di Bruxelles dove ha ottenuto il primo premio nella classe di pianoforte sotto la guida di Daniel Blumenthal (1992), e ha completato la sua formazione con musica da camera (1993) e armonia (1994).
Parallelamente ha coltivato la sua passione per il canto: ha studiato con Louis Devos, Margreet Honig e dal 2000 con Lena Lootens. Ha iniziato la sua carriera nel coro da camera di Namur, nel Collegium Vocale di Gent e nella Petite Bande sotto la guida di suo padre Sigiswald Kuijken. Nel 2001 ha interpretato Serpina nella Serva padrona di Pergolesi ospite di importanti festival in Spagna, Francia, Belgio e Svizzera. Nel 2002 ha partecipato con il baritono Jan van der Crabben alla produzione delle maggiori opere di Mozart nell’ambito dello Istanbul Mozart Festival. Lo scorso anno ha preso parte alla prima produzione in età moderna dell’intermezzo buffo La Furba e lo Sciocco di Domenico Sarro presentata ai festival «Folles Journées» di Nantes, Dau Musica a Lisbona e La haise-Dieu in Francia; in ottobre ha cantato Papagena nel Flauto Magico di Mozart e i Mottetti di J.S. Bach in tournée in Spagna e in Belgio. Recentemente è entrata a far parte dell’ensemble vocale La Voix Humaine. Con la sorella Veronica Kuijken, violinista e pianista, ha fondato il duo «I Pulcini» la cui caratteristica è la varietà delle formazioni: due pianoforti,pianoforte a quattro mani, canto e pianoforte, violino e pianoforte.

I commenti sono chiusi